Si dice che Will Lewis abbia utilizzato dischi rubati come editore nel Regno Unito

Secondo un ex collega, un resoconto pubblicato di un investigatore privato e un’analisi di archivi di giornali.

Will Lewis, l’editore del Post, ha assegnato uno degli articoli nel 2004 come redattore economico del Sunday Times. Un altro è stato scritto da Robert Winnett, che Lewis ha recentemente annunciato come prossimo redattore esecutivo del Post.

L’uso dell’inganno, della pirateria informatica e della frode è al centro di un lungo scandalo sui giornali britannici, uno scandalo che ha rovesciato un importante tabloid nel 2010 e ha portato ad anni di cause legali da parte di celebrità che hanno affermato che i giornalisti hanno ottenuto impropriamente i loro documenti personali e messaggi di posta vocale .

Il signor Lewis ha sostenuto che il suo unico coinvolgimento nella controversia è stato quello di contribuire a sradicare comportamenti problematici dopo il fatto, mentre lavorava per la News Corporation di Rupert Murdoch.

Ma un ex giornalista del Sunday Times ha detto venerdì che il signor Lewis gli aveva assegnato personalmente di scrivere un articolo nel 2004 utilizzando i tabulati telefonici che il giornalista aveva capito essere stati ottenuti tramite hacking.

Dopo che quella storia si è diffusa, un uomo d’affari britannico oggetto dell’articolo ha dichiarato pubblicamente che i suoi documenti erano stati rubati. Il giornalista, Peter Koenig, ha descritto il signor Lewis come un editore di talento, uno dei migliori con cui avesse lavorato. Ma col passare del tempo, ha detto che il signor Lewis è cambiato.

«La sua ambizione superava la sua etica», ha detto Koenig.

Un secondo articolo nel 2002 riportava la firma del signor Winnett, e un investigatore privato che lavorava per il Sunday Times in seguito ammise pubblicamente di aver usato l’inganno per procurarsi i materiali.

Entrambi gli articoli sono stati prodotti in un periodo in cui il giornale ha ammesso di aver pagato esplicitamente l’investigatore privato per ottenere materiale di nascosto. Ciò violerebbe i codici etici del Post e della maggior parte delle organizzazioni giornalistiche americane. Il Sunday Times ha affermato più volte di non aver mai pagato nessuno per agire illegalmente.

Una recensione del New York Times sulla carriera di Lewis ha sollevato anche nuovi interrogativi sulla sua decisione nel 2009, come redattore del Daily Telegraph in Gran Bretagna, di pagare più di 100.000 sterline per informazioni provenienti da una fonte. Il pagamento per le informazioni è proibito nella maggior parte delle redazioni americane.

In un incontro con i giornalisti del Post a novembre, Lewis ha difeso i pagamenti, affermando che il denaro era stato messo in un conto di deposito a garanzia per proteggere una fonte. Ma il consulente che ha mediato l’accordo ha detto in una recente intervista che non c’era stato alcun conto di deposito a garanzia e che aveva distribuito lui stesso i soldi alla fonte.

Un portavoce del Washington Post ha detto che il signor Lewis ha rifiutato di rispondere a un elenco di domande. Il giornale ha precedentemente affermato: «William è molto chiaro riguardo ai limiti che non dovrebbero essere superati, e il suo track record lo attesta». In una serie di discussioni con i giornalisti del Post questa settimana, Lewis ha affermato che come editore, il suo ruolo è quello di creare un ambiente in cui il grande giornalismo possa prosperare e che non interferirà mai.

Il signor Winnett non ha risposto alle telefonate né alle domande inviate tramite WhatsApp ed e-mail. Il Post ha rivolto domande alla sua portavoce, che non ha risposto.

Lewis ha elogiato Winnett questo mese in un incontro con i giornalisti del Post. «È un brillante giornalista investigativo», ha detto Lewis. “E ripristinerà un livello ancora maggiore di rigore investigativo nella nostra organizzazione”.

Insieme, Lewis e Winnett guideranno una delle testate giornalistiche più importanti degli Stati Uniti, che ha una lunga storia nel fornire controlli indipendenti sui governi e nel ritenere responsabili i potenti. Nel mezzo dello sconvolgimento nelle redazioni nel periodo che precede le elezioni, i giornalisti dentro e fuori il Post si sono chiesti se i nuovi leader condividano i loro fondamenti etici.

Lewis è stato editore del Wall Street Journal dal 2014 al 2020. Durante il suo mandato, il giornale ha mantenuto la sua reputazione di elevati standard giornalistici e ha vinto premi Pulitzer, anche per aver rivelato pagamenti segreti da parte di Donald J. Trump prima delle elezioni del 2016.

Le turbolenze al Post, tuttavia, hanno portato un nuovo esame agli inizi della carriera di Lewis, in particolare al Sunday Times.

È stato ben documentato che i giornalisti di quel rispettabile giornale a fogli larghi hanno fatto affidamento su materiale ottenuto in modo fraudolento per i loro articoli fino ai primi anni 2000.

Ma lo scandalo che seguì a quel periodo si concentrò principalmente sui giornalisti dei tabloid, così Lewis e Winnett rimasero ai margini della controversia.

Nel 2002, il signor Winnett scoprì uno scoop.

La Mercedes stava rilanciando la Maybach, un’auto di lusso tedesca popolare negli anni ’30 e che il Sunday Times definì «la limousine preferita dai nazisti». Personaggi britannici di spicco si mettevano in fila per effettuare gli ordini. Il signor Winnett aveva un elenco di nomi, tra cui un membro della Camera dei Lord, un importante donatore politico e un leader del settore assicurativo.

L’articolo non diceva come il signor Winnett avesse ottenuto i nomi, ma solo che si riteneva che le persone in questione “avessero effettuato ordini”.

Molti anni dopo, un investigatore privato di nome John Ford rivelò pubblicamente la sua lunga carriera lavorando per il Sunday Times. Ha detto di aver frugato nella spazzatura della gente e di aver ottenuto di nascosto l’accesso ai registri bancari, telefonici e aziendali di politici britannici e altri personaggi pubblici.

In un’intervista del 2018 con The Guardian, Ford ha parlato con rammarico del suo lavoro per un articolo del giugno 2002 che rivelava gli acquirenti della Maybach. L’articolo del signor Winnett è l’unico che si adatta a questa descrizione. Ma poiché l’articolo originale non è facilmente reperibile online, non è stato collegato pubblicamente a lui.

Il New York Times ha recensito l’articolo del 9 giugno 2002 su Factiva, un database di notizie in abbonamento.

Nell’intervista al Guardian, il signor Ford ha detto di aver chiamato il concessionario Mercedes e, con un accento falso, ha affermato di essere un produttore tedesco di portachiavi che aveva bisogno di vedere un elenco di acquirenti per poter confermare l’ortografia dei loro nomi. L’uomo dall’altra parte della linea è stato licenziato dopo la pubblicazione dell’articolo, ha detto.

Il signor Ford, che ha smesso di rilasciare interviste, ha rifiutato di commentare.

Il signor Lewis divenne redattore economico nel 2002, pochi mesi dopo la pubblicazione dell’articolo di Maybach, e divenne il capo del signor Winnett.

Nel 2004, il signor Lewis prese da parte un altro giornalista economico dopo la regolare riunione editoriale del martedì e gli diede un incarico, secondo il giornalista, il signor Koenig.

Il signor Koenig ha ricordato in un’intervista al New York Times che il signor Lewis gli aveva detto di esaminare le conversazioni tra due uomini d’affari coinvolti nella possibile vendita di una catena di vendita al dettaglio. Il signor Koenig ha detto che gli sono state fornite copie dei tabulati telefonici – crede dallo stesso signor Lewis.

«All’epoca avevo capito che erano stati hackerati», ha detto Koenig.

Armato dei documenti, ha detto Koenig, ha convinto uno degli uomini d’affari, Stuart Rose – che allora era amministratore delegato del rivenditore Marks & Spencer e ora è membro della Camera dei Lord – a concedergli un’intervista per spiegare le chiamate.

L’articolo del giugno 2004 del signor Koenig contiene dettagli precisi sulle telefonate del signor Rose. L’articolo non diceva da dove provenissero le informazioni.

Il signor Koenig ha detto di essere quasi certo che il signor Lewis abbia curato lui stesso l’articolo. Sarebbe stato molto insolito per qualsiasi altro redattore senior recensire articoli economici, ha detto.

Lo stesso signor Lewis scrisse un articolo in prima persona quello stesso giorno su Mr. Rose e il suo ruolo in un possibile accordo con Marks & Spencer. In esso, il signor Lewis descrive personalmente come ha ricevuto la mancia per esaminare l’accordo e fa riferimento alle telefonate. «Mi è stato detto che Rose ha iniziato venerdì 7 maggio con una chiamata al suo consulente per le pubbliche relazioni», ha scritto Lewis.

E in un articolo separato, scritto sempre dal signor Lewis e pubblicato quel giorno, prende atto del momento preciso di un’altra telefonata.

Alcuni giorni dopo, Marks & Spencer annunciò che i tabulati telefonici del signor Rose erano stati violati.

Il colpevole che ha ottenuto i tabulati telefonici nel caso Marks & Spencer non è mai stato identificato pubblicamente. All’epoca era stato ampiamente riportato che qualcuno aveva contattato la compagnia telefonica, fingendosi Mr. Rose e cercando i suoi dati.

Quel tipo di inganno, noto in Gran Bretagna come blagging, sarebbe diventato anni dopo il fulcro di uno scandalo che travolse l’impero mediatico britannico di Murdoch e rivelò le tattiche utilizzate dai giornalisti del suo e di altri tabloid di Fleet Street per invadere la privacy delle persone di cui scrivevano. .

La parola «hacking» è spesso usata come abbreviazione per una varietà di tattiche, incluso il blagging, che divennero note come le «arti oscure» del giornalismo britannico. I metodi sono generalmente illegali, ma la legge britannica fa un’eccezione per il blagging quando le informazioni sono ottenute nell’interesse pubblico.

Dopo che il Guardian, e poi il New York Times, hanno rivelato la portata di tali pratiche al News of the World nel 2010, la controversia ha costretto Murdoch a chiudere il giornale.

Seguirono azioni legali, ma si concentrarono quasi esclusivamente sulle azioni dei giornali scandalistici. I giornali come il Sunday Times sono rimasti per lo più al di sopra della mischia. Solo anni dopo i dettagli sono diventati pubblici.

“Tutti i redattori senior e la maggior parte dei giornalisti del Sunday Times sapevano che ottenevo dati di fatturazione telefonica e transazioni di conti bancari illegali, quasi ogni settimana, per le storie”, ha detto Ford in un’intervista del 2018 con il sito di notizie britannico Byline Investigates.

Nell’intervista, il signor Ford disse che veniva pagato fino a 40.000 sterline all’anno, circa 72.000 dollari all’epoca. John Witherow, allora caporedattore del giornale e capo del signor Lewis, riconobbe che il giornale aveva assunto il signor Ford come blagger per varie indagini.

“È stato assunto per le sue capacità di imitazione. È giusto?» Il signor Witherow è stato interrogato durante un’inchiesta governativa del 2012.

“Sembra di sì”, ha risposto l’editore.

In un articolo successivo, lo stesso Ford scrisse di aver considerato il signor Winnett un caro amico. Dopo che il signor Ford fu arrestato nel 2010 con l’accusa di frode legata al blagging, disse nell’articolo, il Sunday Times pagò le sue spese legali. Il signor Winnett «è stato intimamente coinvolto nell’organizzazione della mia difesa legale», ha scritto il signor Ford.

Alla fine il signor Ford ha ricevuto un avvertimento formale, ma non una condanna.

Il signor Lewis ha detto poco nel corso degli anni sullo scandalo delle intercettazioni telefoniche. Quando ne ha discusso, si è presentato come qualcuno che ha collaborato con le autorità e ha aiutato News Corporation a sradicare gli illeciti.

“Il mio ruolo era rimettere le cose a posto, ed è quello che ho fatto”, ha detto alla BBC nel 2020.

Lo scandalo dell’hacking è tornato di recente nella vita del signor Lewis mentre lavora per riorganizzare la redazione del Post. Il suo redattore esecutivo, Sally Buzbee, si dimise a causa di quel piano. Giorni dopo, il New York Times rivelò che il signor Lewis l’aveva rimproverata per aver coperto gli sviluppi di una causa britannica per pirateria informatica che aveva fatto il suo nome. Il signor Lewis ha negato di aver fatto pressioni sulla signora Buzbee.

Poi, un giornalista della NPR ha rivelato che il signor Lewis aveva offerto un’intervista esclusiva se avesse promesso di non scrivere sul caso di hacking telefonico.

Il signor Lewis ha anche dovuto affrontare domande su un altro scoop che lui e il signor Winnett hanno fornito in modi che non sarebbero stati considerati etici nella maggior parte delle redazioni americane.

Nel 2009, mentre Lewis era direttore del Daily Telegraph, Winnett rivelò che i politici avevano utilizzato i conti spese del governo per spendere generosamente. L’articolo scatenò un grande scandalo politico.

L’articolo era basato su documenti che il Telegraph aveva acquistato da un consulente di sicurezza per più di 120.000 dollari.

Nel suo incontro con i giornalisti del Post a novembre, Lewis ha difeso il suo articolo. Ha detto allo staff che The Telegraph aveva speso i soldi per aiutare a proteggere una fonte. «Ho accettato di mettere i soldi in garanzia per tutela legale», ha detto il signor Lewis, secondo The Post.

In un’intervista con il New York Times la scorsa settimana, il consulente per la sicurezza ha descritto un accordo molto meno formale.

«Non era un conto di deposito a garanzia», ​​ha detto il consulente, John Wick. Ha detto di aver ritirato lui stesso il denaro, per conto della fonte. «L’ho tenuto e l’ho rilasciato quando e come pensavo fosse necessario.»

Il signor Wick ha detto di aver concordato l’accordo con il signor Winnett: £ 10.000 per la possibilità di rivedere le informazioni, poi altre £ 100.000 per il diritto esclusivo su di esse.

Il signor Wick ha detto di non aver detto al signor Winnett o al signor Lewis cosa ha fatto con i soldi.

Kitty Bennet E Julie Tate contribuito alla ricerca.